Azienda Agricola San Paolo

Sulle colline medesanesi nei pressi di Santa Lucia, immersa nell’oasi “Il Castellaro”, si trova l’Azienda agricola San Paolo.

Nasce nel 2002 a conduzione famigliare e negli anni ha ottenuto grandi riconoscimenti come la certificazione di azienda agricola biologica. Bisogna però riconoscere a questi ragazzi un particolare merito che viene prima di tutti gli altri e che affonda le radici nella tradizione e nella storia del territorio.

Da veri protagonisti del Consorzio di tutela del suino nero di Parma, hanno contribuito a riportare in auge questa antica razza tipica delle nostre zone.

“Abbiamo deciso di allevare un suino che si adattasse al nostro territorio, con caratteristiche delle carni come quelle di un tempo, marezzate al punto giusto per la realizzazione di salumi eccellenti.”

Tutti i loro suini nascono in azienda. Dopo circa 4 mesi di gestazione in cui le scrofe sono lasciate liberamente col verro. Qualche settimana prima del presunto parto vengono messe in luoghi separati dove nasceranno tranquillamente i maialini.

I piccoli vengono lasciati con la madre per almeno 40 giorni, tempo necessario per lo svezzamento. una volta raggiunta l’età adatta per essere tolti dalla madre i suinetti vengono raggruppati con altre nidiate messi in ampi recinti all’aperto dove resteranno per circa 18 mesi, tempo in cui raggiungono il peso di 180-190kg e la giusta maturazione delle carni.

Gli animali oltre a nutrirsi di quello che trovano pascolando liberamente nel terreno e nel bosco, mangiano anche cereali prodotti dalla stessa azienda o acquistati da aziende locali. Ma l’azienda agricola San Paolo non si limita solo ai suini, alleva anche bovini e polleria, provvedendo internamente alla trasformazione delle carni attraverso una lavorazione prettamente naturale. Utilizzano infatti SOLO sale e pepe per le lavorazioni degli insaccati e dei salumi senza l’uso di coloranti, conservanti, farine, lattosio e agenti chimici. Noi di Tra L’uss e l’asa però più che i salumi, che acquistiamo solo qualche volta all’anno, amiamo prendere da questi ragazzi la loro carne fresca per gli arrosti e la lonza di maiale per realizzare il nostro strepitoso Maial tonné di cui però parleremo nella prossima puntata.


Le attività collaterali sono poi molte altre tra cui quella didattica, impegnandosi in questo modo nel trasmettere anche ai più piccoli il loro progetto che non si limita solo alla mera vendita di un prodotto, ma che racchiude un pensiero strettamente legato al rispetto dei cicli e dell’ambiente.

E poi ancora stage, visite, degustazioni, mercati nei paesi vicini e molto altro. E’ proprio per questo e per l’altissima qualità dei loro prodotti che siamo orgogliosi di parlarvene ogni volta.

TOP